Top Life Magazine, la rivista ufficiale del cuore della Toscana. Non solo un doveroso tributo alla nostra terra, ma anche:

  • Un punto di riferimento certo per il turista che si affaccia nel nostro territorio.
  • Un filo diretto e un concreto sostegno alle aziende operanti nel settore turistico ricettivo.
  • Un punto di riferimento per le aziende del territorio, per l’organizzazione e la realizzazione di progetti finalizzati alla promozione e sviluppo del settore turistico ricettivo ed il suo indotto.
  • Un volano per la promozione e lo sviluppo di attività di servizio parallele, correlate direttamente o indirettamente al settore turistico ricettivo.

I fatti hanno dimostrato che non è sufficiente alla nostra Italia possedere le maggiori bellezze ed attrattive turistiche del mondo per rimanere al vertice del gradimento turistico mondiale.

Nel tempo non siamo stati capaci di attuare politiche commerciali su larga scala e di dotarsi di quei servizi, strutture, cultura ed educazione necessari ed indispensabili per poter competere con l’agguerrita concorrenza straniera.

L’organizzazione delle strutture ricettive, l’efficienza delle politiche logistiche e culturali, al pari dei servizi offerti si sono mostrati indispensabili per poter attrarre con maggiore efficacia il turista moderno.

Qualità intesa anche come varietà nell’offerta delle strutture ricettive, non solo qualità intesa come presenza di strutture alberghiere a 5 stelle, o agriturismo di lusso, (settori dove già non temiamo concorrenza), ma nascita e sviluppo di strutture di più diffusa fruizione, come ostelli della gioventù, campeggi, strutture alberghiere a basso costo.

Queste strutture per potersi sviluppare hanno necessità di poter contare sull’efficienza dei servizi logistici e di trasporto, pubblici o/e privati, facilità nel reperimento di guide turistiche, presenza di punti di informazione efficienti, assistenza al turista, strutture e servizi di corredo, pubblicizzazione sistematica degli eventi e quant’altro.

Il nostro territorio è ancora scarsamente valorizzato e non sufficientemente supportato da sufficienti sovrastrutture che vadano oltre l’impegno individuale ed individualistico dei singoli imprenditori del settore. La posta in palio è alta.

L’obiettivo è quello di costituire nel medio e lungo periodo una sempre più forte ed efficiente industria turistico ricettiva, in grado di generare nuove imprese, nuovi posti di lavoro e quindi maggiore ricchezza e benessere per il territorio.