UN CALDO ABBRACCIO PER RITEMPRARCI DALLE SFIDE INVERNALI

Giulia Zeroni

ragazza-beve-te

Tutte le stagioni portano delle sollecitazioni a cui il nostro fisico deve adattarsi e l’inverno è una stagione particolarmente impegnativa da sostenere. Vediamo allora qualche strategia a cui ricorrere per affrontare il freddo.

POCHE MOSSE PER VISO E MANI IMPECCABILI

Viso: la pelle con le basse temperature inizia a desquamarsi e a perdere il suo naturale colorito omogeneo. In alcuni casi si rischia addirittura che venga evidenziato quel fastidioso inestetismo di fragilità cutanea  chiamato “couperose”, dovuto al passaggio dal caldo al freddo che appunto determina la vasodilatazione. Naturalmente ci sono altre cause riferite a questa problematica.

Per il viso con couperose o pelle molto delicata, la sera sono utili gli impacchi tiepidi con infuso di camomilla o malva, successivamente si massaggia lentamente la pelle con poche gocce di olio di calendula. La calendula ha proprietà antinfiammatorie, lenitive e favorisce il richiamo dell’acqua dagli strati più interni dell’epidermide.

Per gli altri tipi di pelle si può procedere con un peeling delicato due volte a settimana. Una preparazione casalinga che io adotto è:  due cucchiai di olio di semi di sesamo, un cucchiaio di farina di mais, un cucchiaio di latte di cocco. Strofinare delicatamente la zona facciale e del decolté, massaggiare per qualche minuto e risciacquare con acqua tiepida. Per tonificare utilizzare dell’acqua all’Hamamelis, eseguendo un impacco bagnando della garza e applicarla su viso e collo, lasciando in posa per alcuni minuti. E per una reidratazione profonda  apporre poi una crema che contenga burro di Karitè o burro di cacao.

Mani: freddo, gelo, vento, lavori domestici e professionali rendono la pelle di palmo e dorso screpolata, avvizzita, arrossata e ruvida.

Tenere sempre a disposizione una crema nutriente a base  di urea che protegge, e svolge una profonda azione antietà. Giorno dopo giorno aiuta a ricostruire la naturale idratazione, a conservare l’elasticità e la morbidezza dell’epidermide.

Vi suggerisco pure un rimedio naturale: mescolare una patata bollita, ben schiacciata, con un cucchiaio di olio di mandorle dolci e due gocce di olio essenziale di Neroli (idratante ed elasticizzante), amalgamare fino a formare una “pappetta” e applicarla sulle mani la sera. Lasciare agire per 30 minuti, adoperando guanti usa e getta. Infine togliere il tutto con un panno morbido o della carta assorbente, così durante la notte le sostanze continuano ad agire.

BEVANDA RIGENERANTE

come-ringiovanire-il-viso_dcfc3203c5aad2d4301433f777a610ba1

In questo periodo è necessario provvedere alle difese immunitarie anche con una tisana allo zenzero, che in più è utile per depurare l’organismo dopo le feste natalizie. Preparo questa bevanda calda secondo la tradizione ayurvedica, ecco la mia ricetta: sbucciare un pezzetto di radice di zenzero e tagliarla a fettine sottili. Mettere tre bicchieri di acqua in un pentolino, portare a ebollizione, unire le rondelle di zenzero, tre semi di cardamomo, due chiodi di garofano e un pezzetto di cannella. Far bollire per 5 minuti con coperchio, spengere e tenere in infusione  10 minuti, sempre coperto. Filtrare,  versare nella tazza e al momento aggiungere il succo di mezzo limone e un cucchiaino di miele all’eucalipto. E’ preferibile quello grezzo e non sottoposto a riscaldamento termico.

COCCOLE PER LO SPIRITO

C’è sempre spazio, se solo vogliamo, da dedicare alla nostra persona. Un po’ di attenzioni sono ideali per armonizzare sia il nostro fisico sia per riscaldare la nostra psiche, dato che sistema immunitario, mente e corpo sono strettamente connessi.

Un tipico momento all’insegna del relax: una volta rientrati a casa la sera, iniziare con una doccia o un bagno caldo. Versare sulla spugna, insieme al bagnoschiuma, una o due gocce di olio essenziale di Alloro e di Ginepro (antivirali). Se utilizzate la vasca versare nell’acqua otto gocce di ogni olio.  Dopodiché dedicare dieci minuti alla meditazione, concentrandosi semplicemente sulla respirazione.

Tre volte alla settimana seguire le seguenti mosse:

-apparecchiare la tavola come fosse una serata speciale, optando per una cena molto leggera. Scegliere cibi che rinforzano le difese, tipo Kefir, salmone, acciughe, sarde, fungo Reishi, cavoli, broccoli, peperoni, carote,  spinaci, rucola, aglio, semi oleosi, agrumi, kiwi, succo di albicocca bio. Condimenti:  olio extravergine di oliva, erbe aromatiche e spezie come origano, rosmarino, salvia, timo,  curcuma, peperoncino.

-Ridurre al minimo gli stimoli di computer e TV.

-Ascoltare della musica rilassante,  leggere o effettuare un avvolgente  massaggino ai piedi.

-Fare in modo che la luce sia soft, eventualmente accendendo delle candele colorate.

-Inserire in un sacchetto di cotone o in una garza una manciata di fiori di luppolo e di lavanda essiccati (proprietà sedative) e mettere poi l’involucro vicino al cuscino.

***

La stagione invernale procura certamente dei disagi all’organismo e spesso i giorni sono pieni di malinconia, ma proviamo ad accettarli con un’altra ottica. E’ bello anche “raggomitolarsi” in se stessi e trovare una scintilla positiva  che fa apprezzare, nonostante tutto, la vita. Albert Camus affermava: “Nel mezzo dell’inverno, ho infine imparato che vi era in me un’invincibile estate”.

Giulia Zeroni

Share Button

/ 20 Articles

Giulia Zeroni