Estate: pelle al top

Giulia Zeroni

mare_720 

Il bisogno di refrigerio nella stagione estiva si intensifica notevolmente e il numero dei bagni e delle docce diventano un’esigenza irrinunciabile. Tale bisogno di freschezza però rischia di impoverire il film idrolipidico della cute e di conseguenza la espone a rischi di secchezza e desquamazione.


 

Non per questo si deve rinunciare all’effetto “frozen” per difendersi dalla calura. L’operazione freschezza necessita di semplici accorgimenti, per evitare possibili rischi e assicurarsi una pelle vellutata, tonica e con una tintarella omogenea, nonché duratura.

Sono perciò fondamentali delle azioni “prima”, “durante” e “dopo” il bagno/doccia.

PRIMA

Una volta a settimana effettuare una esfoliazione cutanea estesa su tutto il corpo. Questa operazione favorisce una preparazione ad hoc della pelle, per procedere poi all’applicazione dei prodotti e prepara anche la cute ad una eventuale depilazione perfetta.

Preferire le formule di gommage con texture fluide e oleose arricchite con olio di jojoba e gradevoli oli essenziali  di lavanda e mandarino.

DURANTE

Il porsi al sole prevede delle regole ben precise per evitare i pericoli di una esposizione incontrollata. Anche se sembra di conoscerle tutte è sempre cosa utile ripetere alcune nozioni fondamentali.

Per la maggior parte delle persone abbronzarsi senza solari è la norma. C’è anche chi pensa che i solari a protezione medio-alta non facciano abbronzare. E il tintarellista saltuario crede che trattandosi solo di un’esposizione una tantum non ci siano controindicazioni.

In breve: scegliere un filtro solare adatto al proprio fototipo  di pelle (più chiara è e più aumenta la protezione). Applicare la crema solare mezz’ora prima di uscire di casa. Dopo ripetere l’applicazione del prodotto ogni ora e specialmente dopo il bagno marino; tale regola va rispettata persino se si sta sempre sotto l’ombrellone o si fanno delle passeggiate in montagna. Evitare di esporsi al sole nelle ore più calde. Bere molta acqua per reidratarsi e evitare così che l’organismo perda una quantità maggiore di Sali minerali. Mangiare cibi color giallo-arancio: verdura fresca e cruda (peperoni, carote) e frutta di stagione (albicocche, pesche, melone), perché contengono betacarotene, sostanza che favorisce l’abbronzatura e protegge la pelle dagli effetti negativi delle radiazioni salari.

Melanina-e-vitamine-1200

DOPO

Da preferire una doccia con acqua tiepida utilizzando un detergente leggero, tipo le formulazioni shower sun delle linee solari che utilizzano ingredienti naturali. Ideali sono le formulazioni oleose, arricchite ad esempio con fattori ad azione antinvecchiamento: olio di oliva o olio di vinaccioli. Per gli arrossamenti usare bagnoschiuma arricchiti con amidi di riso e avena.

Pure  successivamente ad un’attività sportiva, magari effettuata in spiaggia, diventa di rito la doccia, ma deve essere effettuata a temperatura corporea (37°), sempre con detergenti delicati. Inoltre i getti d’acqua stimolano la circolazione sanguigna e attenuano il senso di fatica.

Dopo la doccia l’idratazione è l’eccellente conclusione per assicurarsi uno strato corneo elastico e gradevole al tatto. Comunque non è una questione solo estetica, poiché la pelle ha proprio un’esigenza assoluta di mantenere il giusto equilibrio di acqua e lipidi, a maggior ragione dopo un’esposizione ai raggi solari.

E’ quindi indispensabile una composizione più ricca, come creme emollienti contenenti olio di mandorle dolci, olio di girasole, olio di cocco, burro di karité. Se l’epidermide presenta delle irritazioni applicare sempre un after-sun  ricco di aloe, vitamina E, fiordaliso, calendula, olio di germe di grano.

°°°    °°°   °°°

Il viso ovviamente richiede un’attenzione particolare proprio per la delicatezza del derma in questa zona. Gli steps essenziali sono:

-detergere con un latte leggerissimo (macadamia, rosa mosqueta).

-Esfoliare con un prodotto specifico (miele, crusca di riso). Si ottiene una pelle giovane e luminosa. Attenzione spalmare il prodotto con movimenti morbidi.

-Messa in posa di una maschera antirughe, ad esempio frullando della zucca e del cetriolo, unire il composto a  dello yogurt, applicare sul viso e collo, dopo circa 15 minuti eliminare il tutto con un dischetto di cotone imbibito di acqua tiepida.

-Vaporizzare tutta la zona con dell’acqua di hamamelis e picchiettare con i polpastrelli delle dita fronte, guance, mento e decolté, per ottenere un effetto rassodante.

-Applicare una crema antiage e massaggiare soprattutto le zone dove si formano più facilmente le rughe, facendo penetrare bene il cosmetico (olio di argan,  melograno, tè verde).

°°°   °°°    °°°

Per concludere, si può mantenere un po’ di freschezza più a lungo nebulizzando sulla pelle delle acque profumate, per chi invece non ama il profumo saranno perfette le acque termali.

***

E adesso possiamo affermare: “Sto bene nella mia pelle”!

Giulia Zeroni

 

Share Button

/ 11 Articles

Giulia Zeroni