Il Pratomagno: gioiello verde toscano

admin

Tagged: , , , , , , ,

1794518_10203798446980695_230545712024930224_n

Il massiccio del Pratomagno divide il Casentino dal Valdarno superiore ed è ben individuabile dalla celebre croce in ferro visibile da molti chilometri di distanza. Non presenta particolarità morfologiche di rilievo e sfiora nel punto più alto i 1600 metri di altitudine.


 

Le sue pendici sono coperte da folti boschi di quercia, castagno, faggio e abete. I numerosi torrenti e fossi che lo percorrono, aiutati dal tempo ne hanno scavato il profilo caratteristico, costituito da numerose piccole vallecole ed altrettanti contrafforti che degradano verso l’Arno. Il crinale mostra invece forme molto più arrotondate, modellate dal vento e dalla neve, dove la vegetazione è costituita da una continua prateria da cui deriva probabilmente il nome.

A nord il massiccio termina in prossimità del passo della Consuma, a sud degrada velocemente verso l’Arno, nei pressi di Castiglion Fibocchi.
Numerosi paesini dalla storia antica sono incastonati tra il verde di questi boschi, a caratterizzarne l’aspetto. Vallombrosa, Saltino, oltre alle dieci frazioni del comune di Loro Ciuffenna sul versante valdarnese. Talla, Castel Focognano, Cetica, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, sono invece i più importanti centri del versante casentinese. Ognuno di questi è un piccolo scrigno di sorprese e di tesori naturali, di storie da raccontare e da vivere.

12017708_10206274974332331_3606297534531243995_o


Per gli amanti dell’attività all’aperto si presenta un vero e proprio paradiso, fatto di centinaia di chilometri di sentieri segnalati, da percorrere a piedi, in bici o a cavallo, oppure per raccogliere funghi ed altri frutti di bosco, o fare passeggiate e picnic con gli amici.

Le scenografie mutano continuamente col variare della luce e delle stagioni: il verde tenue cosparso di tante specie di fiori in primavera, il giallo intenso dell’estate, i colori caldi dell’autunno, la neve e la trasparenza dell’aria in inverno. È proprio in questa stagione, quando generalmente c’è più nitidezza, che il Pratomagno ci offre dei panorami incredibili, albe e tramonti mozzafiato.

Un luogo da scoprire e da vivere tutto l’anno, immerso in una splendida natura incontaminata a pochi minuti dal centro delle nostre città d’arte.

Share Button

/ 174 Articles

admin