THAT’S PITTICOLOR! Dal 16 giugno Firenze torna a vestirsi di moda

Chiara Poggi

Tagged: , , , , , , , , , , , ,

Hyped-Vision-Manuel-Pallhuber-Graziano-Di-Cintio-Elbio-Bonsaglio-Maor-Cohen-Pitti-Uomo-86-Spring-Summer-2015-IMG_3374

Era il 12 febbraio 1951 quando  la moda illuminò la storia di un’Italia che fronteggiava ancora il buio del Dopoguerra. In quell’occasione, grazie alla geniale intuizione di Giovanni Battista Giorgini, nella meravigliosa Sala Bianca di Palazzo Pitti, venne riunito per la prima volta, in un unico spazio, un folto gruppo di giornalisti e compratori americani, per visionare le creazioni dei migliori sarti esistenti nella penisola.

Quale altra città, se non Firenze, poteva dar vita al concetto di alta moda?

Da allora fino ad oggi la culla del Rinascimento ha saputo mantenere una grande aura di prestigio, trovando nella sua settimana della moda una vetrina fondamentale, fatta di colori sgargianti, accessori ad effetto e personaggi eccentrici. Stiamo parlando di Pitti Immagine, la fiera internazionale dell’abbigliamento, che torna ancora una volta a far parlare di sé.

NEWS_ADV_UOMO

l tema guida di questa edizione, che inizierà martedì 16 giugno, è THAT’S PITTICOLOR! un inno ai colori “in cui siamo da sempre continuamente immersi, quelli che ci stanno attorno, che portiamo addosso, che sono dentro di noi e davanti ai nostri occhi.” come afferma Agostino Poletto, vice-direttore generale di Pitti Immagine.

La Fortezza diventerà per l’occasione un’esplosione di colori, un caleidoscopio tra installazioni, giochi di luce e incursioni cromatiche.

Per la prima volta sfilerà in Italia con la sua collezione uomo P/E 2016; Jeremy Scott con Moschino sarà il Menswear Guest Designer di Pitti Immagine Uomo 88.

Il percorso attraverso la moda maschile si articola in 15 tappe: Pitti Uomo, Make, Pop Up Stores, The Latest Fashion Buzz, Eye Pop, Fashion At Work, Futuro Maschile, Touch! e l’Altro Uomo, Born in the USA, Unconventional (luxury underground), Open (supera la distinzione di genere maschile/femminile), I Play, Urban Panorama, My Factory. Un evento unico nel suo genere cui parteciperanno 1150 marchi e collezioni.

pitti-uomo-january-8-2014-tommy-ton-gq-0006

Carlo Brandelli, direttore creativo di Kilgour, che presenterà per la prima volta in Italia il suo stile. Pitti è anche sinonimo di apertura verso il mondo e ricerca come conferma Constellation Africa, edizione speciale del progetto Guest Nation in collaborazione con Ethical Fashion Initiative, per realizzare una sfilata dedicata a promuovere giovani e talentuosi designer del continente africano.
Diverse le mostre organizzate per la kermesse fiorentina: da non perdere la rassegna che celebra Nino Cerruti e il suo stile “Il signor Nino”; Tinctoria – La Civiltà dei Colori. La mostra di Cariaggi Lanificio spa; MR. GHERARDINI con un’installazione al Museo Bellini.

Tra i numerosi eventi organizzati in concomitanza con Pitti è un appuntamento tra i più attesi quello organizzato da LUISAVIAROMA, dal 13 al 15 giugno, con la nuova edizione di FIRENZE4EVER in cui si ritrovano i più importanti fashion blogger e influencer da tutto il mondo a ritmo di musica.

Firenze in questo period6 assume a tutti gli effetti il ruolo di capitale della moda, a cui volgere lo sguardo parlando di eleganza e stile.

MORE INFO

 

Share Button

/ 80 Articles

Chiara Poggi