Il Duomo di Siena

admin

Tagged: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

shutterstock_135369203La cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta è una delle più importanti e maestose chiese di tutta Italia.

Costruita in stile romanico-gotico, è frutto di un articolato procedimento costruttivo realizzatosi tra la metà del XIII secolo e la metà del XIV secolo. Il magnifico complesso comprende una serie di monumenti tra i più significativi nel panorama artistico europeo. La Cattedrale ne rappresenta senza dubbio il fulcro.

Il Duomo è caratterizzato da quattro torri, di cui una costituisce la torre campanara. La facciata, tutta in marmo bianco, con qualche decorazione in marmo rosso di Siena e serpentino di Prato, è prevalentemente scultorea, con particolare enfasi per le statue di epoca gotica di profeti, patriarchi, filosofi pagani e profetesse.

L’interno è di eccezionale bellezza e ricchezza artistica. L’aula principale è divisa in tre navate. Il transetto è a sezione esagonale, sormontato dalla cupola a base dodecagonale. La pianta è divisa in numerose campate e le volte sono a crociera, tutte decorate in colore azzurro e con stelle. Due magnifici rosoni sono presenti nella controfacciata e sul coro.

_DSC1528

La cattedrale conserva numerosi capolavori di ogni epoca, ma l’opera per più versi eccezionale è il pavimento, realizzato con la tecnica del graffito e del commesso marmoreo. Si tratta del “più bello… grande e magnifico pavimento che mai fusse stato fatto”, secondo la definizione di Giorgio Vasari, frutto di un programma che si è realizzato attraverso i secoli, a partire dal Trecento fino all’Ottocento.

Costituiscono parte determinante dell’intero complesso anche il Battistero, la Cripta, la libreria Piccolomini e il Museo dell’Opera.  Opposto all’ingresso alla cattedrale troviamo il battistero. Qui potrete fare un salto nel luogo dove si sono dati appuntamento i massimi maestri del primo rinascimento italiano. Fra i capolavori appartenenti al patrimonio dell’Opera della Metropolitana di Siena è compresa infatti anche la pieve di San Giovanni Battista, affiancata dalla imponente scalinata che sale al cosiddetto “Duomo nuovo”.  Contiene almeno un’opera straordinaria del primo Rinascimento, il celebre Fonte Battesimale. Le formelle in bronzo dorato, con Storie di San Giovanni Battista, concepite da artisti quali Jacopo della Quercia, Lorenzo Ghiberti e Donatello.

Il Duomo di Siena non finisce di sorprendere. Dal 1 marzo di quest’anno è possibile anche ammirare la cosiddetta Porta del Cielo, una serie di locali che da secoli non erano accessibili al pubblico, dai quali godrete del punto di osservazione più bello della città. Un panorama mozzafiato.

_DSC1515

Dal tetto, una discesa nel mondo del colore vi condurrà nelle viscere della cattedrale, in quella che comunemente viene denominata “Cripta”, una delle più importanti scoperte archeologiche degli ultimi vent’anni. Qui è stato  riportato alla luce un ambiente decorato da un ciclo pittorico realizzato da una serie di artisti operanti nella seconda metà del Duecento, quali Guido da Siena, Dietisalvi di Speme, Guido di Graziano, e Rinaldo da Siena.

Durante la vostra visita non potrete fare a meno di entrare nella Libreria Piccolomini, che costituisce un unicum, un monumento di assoluto rilievo per il ciclo di affreschi eseguiti da Pinturicchio nel primo decennio del Cinquecento, la biografia dell’umanista Enea Silvio Piccolomini, papa Pio II, la sfavillante volta a grottesche, il pavimento Ginori, e i preziosi codici conservati nelle vetrine.

biblioteca piccolomini

Infine, a concludere le molteplici opportunità offerte dal complesso monumentale, potrete visitare all’interno della navata destra del Duomo Nuovo il Museo dell’Opera. Fondato nel 1869, è uno dei più antichi musei privati istituiti in Italia. La collezione è conservata negli ambienti ricavati dalla chiusura delle prime tre campate della navata destra del cosiddetto “Duomo Nuovo”.

In sostanza un itinerario memorabile alla scoperta delle verità della fede, che vi farà godere del risultato di oltre un millennio di storia occidentale.

Share Button

/ 174 Articles

admin