Lorenzo Villoresi. L’alchimista del profumo

Simona Grossi

Tagged: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lorenzo Villoresi

Se le strade di Firenze parlano della storia e dei suoi illustri personaggi, le sue magnifiche residenze custodiscono luoghi speciali che, in questo caso, ci conducono in un universo profumato avvolgente, sensuale e magico.

All’interno di un palazzo rinascimentale in via de’ Bardi ha sede un “Locus Fragrans”, ossia un laboratorio interamente dedicato ad uno dei cinque sensi, l’olfatto, che ci narra una arte antica e al contempo moderna: la profumeria.

Siamo soliti credere che questo settore sia prerogativa quasi esclusiva dei francesi, invece fu Caterina de’ Medici che portò alla corte di Francia il suo profumiere Roberto Bianco, e solo in seguito Grasse diventò la nuova capitale del profumo europeo. I corsi e ricorsi della storia però ci insegnano che è possibile andare a ritroso nel tempo e consentire una trasformazione in chiave attuale traducendola in una stupefacente realtà.

E Lorenzo Villoresi ne è la più eccelsa icona. Definito il naso italiano più famoso all’estero, è un filosofo prestato al profumo e un alchimista dell’olfatto capace di mutare le fragranze in bellezza. Fiorentino di nascita, viaggia per molti anni in Oriente e qui si avvicina all’arte della profumeria, dove scopre di avere la rara dote di cogliere le emozioni che si sprigionano dai profumi.

Al ritorno a Firenze affina ulteriormente il suo talento e le formule che realizza si trasformano in creazioni personalizzate che conquistano tutti. Nell’atelier nascono stupefacenti capolavori in onore dei luoghi del suo cuore, l’Oriente e la Toscana, e nel 1990 crea il suo marchio.

Alla sua attività, lontana dalla frenesie delle mode, affianca anche quella di ambasciatore dell’arte olfattiva e nel 1995 esce il primo di quattro libri intitolato “ Il profumo – storie, culture e tecniche”, seguito l’anno successivo da “ L’arte del bagno. Ricette e segreti per la cura, il piacere e la bellezza”.

Le fragranze di Lorenzo Villoresi
Le fragranze di Lorenzo Villoresi

Uomo molto riservato e schivo, fugge il più possibile i riflettori preferendo il meditativo silenzio del laboratorio, nel quale continua a sperimentare formule e a costruire piramidi olfattive uniche. Nel 2006 la Francia gli conferisce il prestigioso Prix Coty considerato l’Oscar degli artisti della profumeria. Nel 2010 presenta Iperborea, una fragranza ispirata al mito degli Iperborei, un popolo leggendario che si dice vivesse in una terra perfetta, illuminata dal sole sei mesi all’anno, a Nord della Grecia.

Ogni sua creazione è attesa con ansia dal pubblico desideroso di provare nuove fragranze voluttuose o fresche, intense o delicate, capaci di rendere speciale chi le indossa. Il profumo è un modo di comunicare se stessi, rimanendo impressi nella memoria olfattiva di un altro, per cui visitare l’atelier di Lorenzo Villoresi, chiamato a ragione il Magnifico, è una esperienza alla quale non si può rinunciare.

Share Button

/ 80 Articles

Simona Grossi