Il Parco Zoo della Fauna Europea di Poppi

Simona Grossi

Tagged: , , , , , , , , , , , , , , , ,

poppi-top_life-magazine_arezzo

Nei weekend primaverili il bisogno di respirare aria pulita e sfuggire dal caos e dall’inquinamento della città diventa quasi una emergenza.

In Toscana trovare luoghi stupendi ed incontaminati è facile, ma se volete godere di uno spettacolo unico non avete che da recarvi al Parco Zoo della Fauna Europea di Poppi in provincia di Arezzo. Pini, castagni, querce secolari e tante specie di animali che molti di noi forse hanno visto solo nei libri di zoologia (orsi bruni, linci, somarelli dagli occhi blu, fagiani dorati,poiane , aquile, daini, cervi, lupi, procioni…..) che qui invece si possono osservare dal vivo in una habitat di 50 ettari non ancora modificato.

poppi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nato nel 1973

Nel 1973 il Dott. Mattoni Roberto veterinario, sua moglie e i 5 figli dettero vita a questo progetto/missione. Una iniziativa privata, che non solo ha valorizzato ulteriormente il territorio, ma che parla agli ospiti di biodiversità. Uno spazio con scopi ecologici, didattici, culturali e turistici.
In questo contesto già di per sé straordinario sono tante altre le cose da vedere: l’orto botanico con piante della vallata casentinese, la chiesetta dedicata a San Francesco al centro del Parco da cui in uno scenario mozzafiato si scorge il lago con la fauna acquatica, il castello medioevale di Poppi, il sacro monte della Verna, la catena del Pratomagno.

Un modo per trascorrere sereni una giornata facendo un picnic oppure un pranzo al ristorante all’interno del Parco stesso, dove i bimbi possono divertirsi ulteriormente grazie anche allo spazio giochi a loro dedicato.

Il cammino segnato da San Romualdo nel 1012, anno in cui sorse l’eremo di Camaldoli, proseguito da San Francesco che sul Sacro Monte della Verna ricevette nel 1272 le Sacre Stimmate, hanno fatto della valle del Casentino, dove questo Parco Zoo è inserito, una terra lussureggiante in ogni stagione, dove industrializzazione e cementificazione – per quanto in parte arrivate -.non sono riuscite a delegittimare una tradizione ancora viva.

Un luogo incantato dal sapore antico, in cui si condivide in reciprocità amore e libertà.
Forse non tutti possono essere d’accordo sugli zoo,ma nel caso del Parco di Poppi, la passione e la dedizione dei fondatori può farci fare un’eccezione, perché ci offre l’opportunità di comprendere quanto il rispetto della natura nella sua interezza sia a salvaguardia per noi tutti e per le generazioni future.

 More info

Share Button

/ 80 Articles

Simona Grossi