Dolci toscani, le copate senesi

Simona Grossi

Tagged: , , , , , , , , ,

copate

Antichissima preparazione di tradizione senese, preparate originariamente per le festività natalizie. Questi piccoli dolci dalla forma rotonda, esistevano in due versioni: chiara e scura. Quello che oggi consumiamo è quella chiara.

Ricetta

Ingredienti
noci
miele
1 arancia non trattata
ostie di 8 cm di diametro
anice in semi
ostie

Preparazione

Su un piano di marmo porre le ostie rotonde .
Pestare finemente le noci in un mortaio; strumento preferibile al mixer. Infatti la velocità della
lame produce calore – anche se usate ad intermittenza – e può far buttare fuori l’olio della frutta
secca, oltre che farne virare il sapore.
Sciogliere in un tegame una quantità di miele sufficiente per incorporarle.
Quando il miele bolle, unire le noci, qualche grano di anice e un po’ di buccia di arancia grattugiata.
Rimestare con un mestolo di legno fino a che l’impasto assuma la consistenza di un di un croccante.
Su ciascuna ostia deporre un cucchiaio del composto ottenuto e, prima che lo stesso raffreddi,
ricoprire con una altra ostia, premendola in modo che la pasta si spanda uniformemente fino quasi ai margini.
Raffreddare.
Adatti in qualunque momento, rappresentano uno dei tanti momenti di calore e condivisione della
festa più bella dell’anno: il Natale.
Dolce prelibato e speciale è un po’ meno conosciuto dei suoi regali fratelli: i ricciarelli, i
cavallucci, il panpepato e… “Sua Maestà” il panforte.
Corsi e ricorsi di una storia tutta toscana che nei secoli è diventata patrimonio internazionale e per questa meravigliosa serie di dolci della tradizione natalizia la citazione di Seneca calza a pennello:
“Semel in anno licet insanire”.
Ma non solo una volta all’anno come sostenevano i nostri padri…

Share Button

/ 80 Articles

Simona Grossi