Il castagnaccio, ricetta di un dolce perfetto

Simona Grossi

Tagged: , , , , , , , , , ,

castagnaccio

Migliaccio a Firenze, Baldino ad Arezzo, Ghirighio nel pratese.  Di cosa stiamo parlando? Del castagnaccio! Si racconta che sia nato dalla creatività e dalla penna di Pilade da Lucca, che parlò nei suoi scritti (1553) del “castagnazzo” e che lo elevò da pietanza povera delle famiglie contadine a dolce di lignaggio della città di Siena.

Esistevano due versioni. La prima prevedeva un impasto in teglia, che diventava uno spesso manto screpolato in superficie. L’altra invece veniva fatta con  “tondini” sottili, cotti in piastra e serviti subito, caldissimi. Come riconoscere l’autentico castagnaccio toscano da quello diffuso in tutto il resto d’Italia? Deve essere alto non più 1 cm. Oltre a pinoli, noci e uvetta (aggiunti nell’800), si unisce il ramerino o rosmarino.

Curiosità

Le foglioline di rosmarino usate nel castagnaccio erano considerate un filtro d’amore:
il ragazzo che mangiava il dolce offertogli da una fanciulla, si sarebbe innamorato di lei e
l’avrebbe sposata.

In cucina

Un dolce senza glutine, senza zuccheri aggiunti, senza latte, senza lievito.
Adatto a tutti, a chi segue l’alimentazione vegan, a chi non tollera lattosio e lieviti, a chi non
desidera rinunciare ai dolci, senza sensi di colpa, restando in forma.
E, con o senza, la magica scenografia di uno scoppiettante camino, oltre alla tradizione, il
castagnaccio unisce lo stare insieme, in un gioco sottile fatto di storia, gusto ,piacere.

8221260382_80ecbede20_c

Ricetta:

500 g. farina di castagne
100 g di noci sgusciate
6 cucchiai di olio d’oliva
750 ml di acqua
80g di uvetta
1 manciata di aghi di rosmarino
1 pizzico di sale

Preparazione:

Preriscaldare il forno a 200 gradi. Ammollare l’uvetta in acqua tiepida. Setacciare in una ciotola la
farina. Aggiungere il sale. Versare lentamente l’acqua e mescolare fino ad ottenere una pastella liscia
Asciugare l’uvetta, unirla a noci tritate e pinoli. Tenere da parte una piccola quantità di questi tre
ingredienti. Ungere con l’olio una teglia bassa sulla quale versare il composto ottenuto
cospargendolo in ultimo da: con pinoli ,noci uvetta e rosmarino, Versare sopra altri 2 cucchiai di
olio prima di infornare, Cuocere per 30 minuti.
Ottimo caldo, tiepido o freddo.

Credits photo (con castagne): http://bit.ly/17DfNGv

Share Button

/ 80 Articles

Simona Grossi