Nettare (di)vino

admin

Tagged: , , , , , , , , , , , , ,

A CURA DI: SIMONE SCALABERNI

vino toscana

“Il vino è il più gran dono che gli Dei hanno fatto all’uomo”. (Platone)

La degustazione del vino è una vera arte. E come tale richiede delle conoscenze minime che aiutino a riconoscere, oltre al sapore e alla consistenza della bevanda, anche la sua origine, l’invecchiamento, la gradazione alcolica. Studi medici autorevoli dimostrano come, assaggiando il vino in piccole quantità,  l’attività  cerebrale dell’uomo venga stimolata. In modo particolare, risultano interessate le zone del cervello che si attivano per il riconoscimento dei sapori e che generano sensazioni di piacere.

La storia. La vite da vino (Vitis vinifera) è il prodotto di una lunga selezione per opera dell’uomo. La scoperta delle bevande fermentate originò probabilmente dall’ingestione di frutti fermentati, in fase di marcescenza, ricchi di alcool. Una scoperta casuale, dunque, è con tutta probabilità alla base di una delle bevande più amate, celebrate ed usate dagli esseri umani di ogni tempo.

vino-top_life-magazine-Siena

 

La storia del vino è un po’ la storia stessa dell’umanità. Risulta quindi arduo tracciarne con precisione il corso: ogni civiltà, ogni impero, ogni vicenda politica e di potere ha avuto le proprie storie di vino, più o meno legate alle vicende che hanno delineato il corso della storia. Gli Egiziani furono maestri nella produzione del vino. Con la cura e la precisione che li distingueva, tenevano registrazioni accurate di tutte le fasi del processo, dal lavoro in vigna alla conservazione.

Attraversi i Greci e i Fenici il vino entrò in Europa, quindi si diffuse in terre come l’Italia, la Francia e la Spagna che ne sarebbero divenute la patria. La modernità, grazie alla tecnologia ed alla maggior consapevolezza dell’uomo attuale, ci restituisce il piacere di una bevanda deliziosa e dalle mille proprietà. Il consiglio finale è semplice ma essenziale: berne in quantità moderata, sempre e comunque di qualità. Meglio spendere qualcosa in più, che un mal di testa il giorno dopo!

vino x lungo

Alcune leggende narrano che Noè, avendo inventato il Vino pensò bene di salvare la Vite dal diluvio universale riservandole un posto sicuro nell’Arca. Ecco, se questo è possibile allora è certo che il buon Dio scelse la Toscana, ed in particolare il nostro territorio, per permettere all’uomo di piantarci quella vite: il clima e la morfologia assolutamente favorevole lo rendono ideale per la cultura del vino. L’opera dell’uomo toscano ha poi fatto sì  che i prodotti di questa terra fossero una prelibatezza assoluta nel panorama enologico mondiale. E continuino ad esserlo ogni giorno di più.

“Grande è la fortuna di colui che possiede una buona bottiglia, un buon libro, un buon amico”. (Molière, 1622 – 1673)

Share Button

/ 174 Articles

admin